Melanoma - Clinica Helena - Savonlinna, Finlandia

Melanoma

Il melanoma inizia nei melanociti cutanei (cioè le cellule che producono il pigmento scuro nella pelle). Insieme al cancro al seno, il melanoma è il tumore in più rapida crescita nel mondo occidentale.

Il principale fattore di rischio è il bruciore della pelle dovuto alle radiazioni UV del sole. La pelle pallida e lentigginosa con pigmento rosso si brucia più facilmente.

Si consiglia di utilizzare creme solari con un fattore minimo di protezione solare 20 (SPF) nei giorni di sole.

Altri servizi - Melanoma al fianco del corpo

Il melanoma si sviluppa in un nevo della pelle solo in circa un terzo dei casi, mentre in due terzi dei casi il melanoma si sviluppa sulla pelle precedentemente intatta. È importante rimuovere per campionare tutti i nevi e le anomalie della pelle se si verifica un cambiamento di colore o dimensione, se c’è arrossamento intorno al nevo o se la superficie della pelle è rotta, sviluppa una crosta e non guarirà.

Nevo viene rimosso completamente per il campionamento e, se possibile, viene rimosso anche un piccolo margine di pelle normale attorno ad esso. Tutti nevi rimossi vengono esaminati al microscopio per la diagnosi patoanatomica (PAD).

Altri servizi - Melanoma nella schiena
Altri servizi - Melanoma sulla guancia

Trattamento del melanoma

Il trattamento primario del melanoma è l’escissione chirurgica. L’entità dell’escissione è determinata in base allo spessore del melanoma. Lo spessore viene misurato dalla biopsia PAD ed espresso in millimetri sulla scala di Breslow. L’ulcerazione superficiale rende più difficile la stima dello spessore e, di norma, lo spessore reale è maggiore dello spessore stimato.

Il melanoma si diffonde nei suoi immediati dintorni formando le cosiddette metastasi satellitari. La distanza di queste metastasi dal melanoma primario dipende dallo spessore del melanoma. Pertanto, la quantità di tessuto sano che viene rimosso attorno al melanoma primario viene determinata sulla base dello spessore di Breslow.

Lo spessore di Breslow inferiore a 1 mm indica una malattia superficiale allo stadio iniziale con una buona prognosi. In questo caso, 1 cm di tessuto sano viene rimosso attorno al melanoma o alla cicatrice di un’asportazione precedente.

Lo spessore di Breslow di 1-2 mm indica anche un melanoma superficiale con una prognosi relativamente buona ed è sufficiente la rimozione di 2 cm di tessuto sano attorno ad esso.

I melanomi con uno spessore superiore a 2 mm vengono rimossi con margini di tessuto sano di 2-3 cm. Margini più ampi sono inutili. La rimozione dei tessuti con margini di 5 cm, una volta pratica comune, non viene più effettuata.

Helena si prepara per il trattamento
Sala operatoria

Linfonodo sentinella

Il trattamento chirurgico comprende sempre una biopsia del linfonodo sentinella se lo spessore del melanoma è superiore a 1 mm. Il giorno precedente la procedura, la cicatrice viene iniettata con radioisotopo in tecnezio e viene eseguita la mappatura dei linfonodi. I linfonodi sentinella che assorbono il radioisotopo vengono rimossi insieme all’escissione aggiuntiva della cicatrice del melanoma.

Se in ulteriori esami vengono rilevate cellule di melanoma in questi nodi sentinella rilevati, viene eseguita la dissezione dei linfonodi per rimuovere tutti i linfonodi in quella zona del corpo.

La chirurgia può essere eseguita come chirurgia diurna in anestesia locale, ma se le aree dei linfonodi sono grandi, viene l’operazione eseguita in anestesia generale. Il paziente può rimanere nell’unità postoperatoria per la notte se necessario.

Nella nostra clinica, l’intervento chirurgico viene eseguito da un chirurgo plastico con metodi oncoplastici. Vengono utilizzati lembi cutanei locali, lembi liberi e, se necessario, lembi di tessuto microvascolare.

Il costo dell’intervento dipende dall’entità della procedura e sarà stimato al momento della consultazione.

Terapie adiuvanti

Se lo spessore del melanoma è superiore a 1 mm, il nostro oncologo (Dr. Esa Männistö) verrà consultato sulla necessità di terapie adiuvanti.

Per scoprire lo stadio del melanoma, vengono effettuate una radiografia dei polmoni e un’ecografia del fegato. Inoltre, vengono eseguite scansioni TC del corpo e una scansione ossea su pazienti con melanoma linfonodato positivo.

Negli ultimi anni, il trattamento farmacologico della malattia è notevolmente aumentato. Come risultato degli studi sul ruolo delle protein-chinasi attivate dal mitogeno (MAPK) nella regolazione dell’espressione genica e della crescita e sopravvivenza delle cellule, sono stati identificati nuovi marcatori tumorali (analisi della mutazione del gene BRAF). Questi sono di aiuto quando vengono selezionati nuovi farmaci per il trattamento curativo del melanoma metastatico. Lo svantaggio dei nuovi farmaci è il loro prezzo elevato.

Altri servizi - Helena con la paziente

Il nostro oncologo Esa Männistö consiglierà il miglior trattamento possibile per ogni singolo paziente. I farmaci che sono stati utilizzati per molto tempo, come l’interferone alfa (IFN-α), sono ancora efficaci nella prevenzione della recidiva della malattia in alcuni casi.

Le terapie adiuvanti includono anche la terapia multi-citostatica, la chemio immunoterapia (combinazione di terapia citotossica e IFN-α) e la radioterapia. I vaccini contro il melanoma sono ancora in fase di ricerca.

Torna su