Linfostasi - Cura presso la Clinica Helena a Savonlinna, Finlandia
Pagina principale > Linfostasi

Linfostasi

Per noi curare la linfostasi è una questione di cuore. Il trattamento deve essere iniziato non appena compare il gonfiore!

  • Il trattamento compressivo è essenziale nel trattamento conservativo
  • Nel trattamento chirurgico, il tessuto gonfiato viene rimosso (liposuzione) o il drenaggio linfatico viene diretto nella circolazione venosa o, in alternativa, i linfonodi sani vengono impiantati microchirurgicamente nella zona colpita

Informazioni generali su come trattare la linfostasi

Lympha è un fluido proteico che filtra dai vasi sanguigni al tessuto sottocutaneo. Dal tessuto il fluido viene quindi trasportato attraverso i dotti linfatici nei linfonodi (linfonodi sentinella) che fungono da difensori del nostro sistema immunitario.

Infine, il fluido in eccesso ritorna alla circolazione venosa attraverso il sistema linfatico.

A livello globale, le cause più comuni di interruzione della circolazione linfatica (linfostasi) sono le infezioni dei tessuti molli (es. Filariosi). Può anche essere un deficit congenito dei linfonodi. Nella società occidentale, le cause più comuni di linfostasi sono le malattie del cancro.

Linfostasi

Durante il trattamento chirurgico del carcinoma mammario, oltre alla rimozione del tumore, il chirurgo è tenuto a verificare la presenza di metastasi nei linfonodi ascellari.

Presso la Clinica Helena durante la procedura chirurgica identifichiamo i linfonodi “sentinella” e verifichiamo la presenza di metastasi. Se lungo il primo flusso linfatico dal tumore mammario non ci sono metastasi nei linfonodali ascellari, non è necessaria la rimozione degli altri linfonodi ingrossati. Al rilevamento di metastasi il chirurgo rimuove un intero gruppo di linfonodi, che vengono ulteriormente esaminati nel laboratorio di anatomia patologica.

Complicazioni dopo l’asportazione dei linfonodi ascellari

L’asportazione dei linfonodi ascellari può causare come complicanza post-operatoria un linfedema delle mani. Pertanto, durante l’operazione viene fatto il possibile per rimuovere tutti i linfonodi metastatici, fornendo la massima radicalità nell’asportazione del tumore, ma allo stesso tempo risparmiamo tutti i linfonodi ascellari non patologici. L’asportazione dei linfonodi mina l’integrità della rete linfatica di quest’area anatomica e può conseguentemente causare difficoltà nel drenaggio linfatico.

Nel postoperatorio alcune pazienti lamentano gonfiore alle mani se sottoposte a intervento chirurgico demolitivo per un cancro della mammella. Inoltre, un’alterazione del drenaggio linfatico può essere causata anche dalla radioterapia e dalla fibrosi dei linfonodi a questa correlata. Questa alterazione del circolo linfatico può portare alla comparsa di gonfiore persistente e prolungato. La stasi linfatica cronica e l’accumulo di liquidi nei tessuti della mano porta a un incremento del volume dell’arto con aumento della pressione interstiziale e intravascolare. Ciò causa dolore, limitazioni nel movimento e l’insorgenza di quelle condizioni che favoriscono lo sviluppo di processi infettivi.

Cura conservativa

Per curare il linfedema esiste un complesso trattamento conservativo che di solito include trattamenti di fisioterapia (massaggio, GPL), ginnastica in piscina, terapia compressiva e altri metodi.

Per quei casi in cui i metodi conservativi non portano a risultati sufficienti, la dott.ssa Helena Puonti ha sviluppato una metodo completo per un efficace trattamento chirurgico del linfedema. Nella fase del cosiddetto linfedema solido, il liquido si accumula nel grasso sottocutaneo, rendendo il tessuto della mano notevolmente più spesso, e la mano diventa rigida e tesa.

Se la principale sede di accumulo di linfa che fluisce dal tessuto adiposo delle mani viene ridotta, la congestione si riduce. In questi casi, la dott.ssa Helena Puonti utilizza un processo delicato per l’asportazione del grasso sul braccio mediante liposuzione a getto d’acqua. Durante questa procedura, le cellule adipose vengono delicatamente lavate via, quindi si riduce la capacità di ritenzione idrica dei tessuti molli delle mani. Dopo questa manipolazione è necessario continuare a indossare un bendaggio compressivo, ma la gravità del gonfiore debilitante diminuisce notevolmente.

Metodi di trattamento microchirurgico dei linfedemi

Un altro metodo molto efficace per trattare il linfedema, che richiede tecniche microchirurgiche avanzate, è il ripristino del drenaggio linfatico. Dopo l’asportazione dei linfonodi ascellari viene minata l’integrità delle vie linfatiche impedendo la normale circolazione linfatica degli arti.

Pertanto, il trattamento chirurgico di questo tipo di linfedema è la soluzione più efficace. In tali casi la dott.ssa Helena Puonti esegue un’ulteriore anastomosi (microanastomosi) tra i vasi a livello del gomito e della spalla, migliorando la circolazione e il drenaggio del liquido dei tessuti.

In alcuni casi, la Dott.ssa Helena Puonti esegue un intervento microchirurgico quasi unico, eseguendo un trapianto da un’area di linfonodi sani. Dopo l’intervento chirurgico il gonfiore scompare o si riduce notevolmente e la paziente è in grado di tornare alla vita normale.

La nostra chirurgo plastico Helena Puonti ha un interesse speciale nel migliorare la circolazione linfatica e lavora per risolvere il problema da oltre 20 anni.

Torna su