Rimodellamento del viso - Clinica Helena Savonlinna Finlandia
Pagina principale > Chirurgia estetica > Rimodellamento del viso

Rimodellamento del viso

Lifting facciale

Un lifting chirurgico rimuove i segni dei cambiamenti nella pelle del viso, del collo e della fronte causati da invecchiamento o malattie. Questa procedura è spesso combinata con rimodellamento delle palpebre. Sono presenti molte opzioni di chirurgia che variano da paziente a paziente, è quindi essenziale che un piano di trattamento individuale e una stima dei costi siano fatti a seguito di consultazione con il chirurgo plastico.

Durante l’intervento chirurgico i tessuti cascanti vengono spostati indietro e fissati nella posizione corretta. Se necessario, le irregolarità e le fossette vengono riempite con il trasferimento di tessuto adiposo. Per rivitalizzare la pelle è anche possibile utilizzare il PRP del paziente (plasma ricco di piastrine). L’intervento può essere eseguito in sedazione o anestesia generale.

Il lifting del viso è una procedura chirurgica media e richiede un periodo di recupero di 3-4 settimane.

Chirurgia estetica- Lifting facciale, lato destro, prima
Chirurgia estetica- Lifting facciale, lato destro, dopo
Chirurgia estetica- Lifting facciale, prima
Chirurgia estetica- Lifting facciale, dopo
Chirurgia estetica- Lifting facciale, lato sinistro, prima
Esteettinen kirurgia - kasvojen kohotus, vasen jälkeen

Dopo cura del lifting facciale

Dopo l’intervento chirurgico il paziente viene monitorato nell’unità di recupero fino alla mattina successiva. Eventuali emorragie postoperatorie si verificano sempre durante la prima sera dopo l’intervento chirurgico e, se necessario, i coaguli di sangue vengono rimossi mediante un nuovo intervento chirurgico.

Il lifting del viso può causare allungamento del ramo del nervo facciale, con conseguente disfunzione del nervo. Tale evento è piuttosto raro e scomparirà entro circa tre mesi.

Per la prima notte il viso è coperto da una benda morbida assorbente. Il mattino seguente viene sostituito con un cappuccio assorbente che dovrebbe essere indossato per una settimana. I punti vengono rimossi una settimana dopo l’intervento. I capelli del paziente vengono lavati in ospedale prima della dimissione e, successivamente, a casa il paziente può fare la doccia. L’area delle incisioni può anche essere sciaqcuata.

Il paziente riceve il numero di telefono dell’infermiera di turno e può chiamare l’infermiera se necessario. Prestiamo inoltre particolare attenzione al trattamento dei sintomi del dolore. Lo sforzo fisico, la flessione verso il basso e l’esposizione ad aria troppo fredda o calda dovrebbero essere evitati per circa una settimana. È possibile stare all’aria aperta quanto le tue condizioni generali lo consentono.

Il gonfiore del viso può essere prevenuto posizionando impacchi di ghiaccio sulla zona operata e applicando un unguento di Hirudoid o Trombosol su aree contuse. La terapia linfatica accelera la scomparsa del gonfiore. La prima procedura di massaggio linfatico è raccomandata già prima dell’intervento e quella successiva dovrebbe essere eseguita circa una settimana dopo l’intervento.

Si consiglia di riservare 3-4 settimane per il recupero per consentire la scomparsa di lividi e gonfiore. Può essere applicato il trucco sul viso dopo la rimozione dei punti. Il risultato finale sarà evidente 2-3 mesi dopo l’intervento.

Si raccomanda di visitare il chirurgo dopo 1 mese e successivamente a 3-6 mesi dopo l’intervento, o prima se necessario.

Lifting a metà viso

Un lifting a metà del viso rimuove la caduta intorno agli zigomi e le linee agli angoli della bocca.

Il risultato migliore e più duraturo può essere ottenuto mediante un ascensore SMAS (della durata di 10-15 anni). Le incisioni chirurgiche sono sepolte nelle rughe naturali della paziente mentre il rimodellamento del viso viene eseguito dal riposizionamento e dalla fissazione dello strato di supporto che copre i muscoli facciali (SMAS, sistema aponeurotico muscolo-superficiale). La tecnica dell’intervento richiede abilità e pazienza speciali in quanto vi sono importanti nervi facciali sotto questo strato di supporto.

A causa della necessità di qualifiche speciali, molti chirurghi preferiscono utilizzare un sollevatore MACS (elevatore a sospensione cranica con accesso minimo). In questa procedura, lo strato di supporto sulla superficie dei muscoli non viene rilasciato ma semplicemente sollevato. Ciò fornisce inizialmente un buon risultato; tuttavia, la sua sostenibilità non può essere garantita. L’operazione è più semplice e veloce ed è adatta quando è richiesto solo un piccolo sollevatore.

Un lifting a metà del viso può anche essere eseguito attraverso un’incisione nelle palpebre inferiori. In questa procedura sono necessarie incisioni ausiliarie sulle tempie e l’uso della tecnica endoscopica.

Un lifting a metà viso può essere eseguito in sedazione o in anestesia generale a seconda delle esigenze del cliente.

Presso la nostra struttura preferiamo usare il metodo migliore. Per ottenere il miglior risultato, in qualche caso, è possibile combinare diversi metodi e completarli con il trasferimento di tessuto adiposo con o senza terapia PRP.

Lifting del collo

Lo stesso metodo SMAS (sistema aponeurotico sub-muscolare) utilizzato per un lifting a metà del viso viene utilizzato per il lifting del collo. In questa procedura, il muscolo sottocutaneo allungato del collo viene corretto e fissato dietro l’orecchio con un innesto cutaneo. La pelle stessa non viene sollevata ma viene rimossa la pelle in eccesso. In alcuni casi, è necessaria un’incisione ausiliaria sotto il mento in modo da formare un angolo del mento ben proporzionato. Il lifting del collo corregge sempre anche la zona del viso centrale.

Un lifting del collo può essere eseguito in sedazione o anestesia generale a seconda dei desideri del cliente.

Lifting frontale

Le rughe sulla fronte possono essere rimosse con un riempitivo grasso o un gel a base di acido ialuronico (Perlane, ad esempio); tuttavia, se le sopracciglia si abbassano in modo che le palpebre superiori cadano sopra gli occhi, il modo migliore per correggere la situazione è sollevare la fronte. Le sopracciglia vengono sollevate mediante endoscopia attraverso una piccola incisione nel cuoio capelluto.

L’intervento viene eseguito indolore in anestesia generale. L’area intorno all’occhio sarà gonfia per diversi giorni e saranno necessarie almeno tre settimane per il recupero. Per accelerarne il recupero dopo l’intervento, si consiglia l´uso di una fascia per due settimane.

Chirurgia delle palpebre (Blefaroplastica)

Lifting delle sopracciglia

Quando l’elasticità della pelle si riduce, gli angoli degli occhi e le palpebre iniziano a cedere. Il verificarsi di questi cambiamenti varia da persona a persona, dipendendo sia dalla struttura congenita delle palpebre sia da fattori genetici.

Per i giovani il modo migliore per eliminare la caduta della palpebra superiore è attraverso l´intervento sul sopracciglio. Come il lifting della fronte, anche sul sopracciglio si esegue utilizzando una tecnica endoscopica. Ci saranno piccole cicatrici sul cuoio capelluto. La procedura viene eseguita in anestesia generale. Dopo l’intervento il paziente rimane nel reparto postoperatorio per la notte. L’area intorno agli occhi sarà gonfia e ci saranno lividi per diversi giorni. Si consiglia di indossare una fascia per due settimane dopo l’intervento. Sono necessarie tre settimane per il recupero.

Il lifting della fronte può anche essere eseguito in anestesia locale mediante chirurgia della palpebra superiore o attraverso un’ incisione lungo il bordo del sopracciglio. Quest’ultima operazione lascia cicatrici sul viso e non è consigliato usare questo metodo per la correzione estetica.

Rimodellamento del viso - Helena Puonti prepara la paziente
Helena Puonti prepara la paziente

Chirurgia della palpebra superiore

Chirurgia estetica- Chirurgia delle palpebre 1
Chirurgia estetica- Chirurgia delle palpebre 2
Chirurgia estetica- Chirurgia delle palpebre 3
Chirurgia estetica- Chirurgia delle palpebre 4

Se la distanza dalla fronte al bordo della palpebra superiore è abbastanza grande, può essere realizzato un intervento chirurgico alla palpebra superiore (blefaroplastica).

La blefaroplastica viene solitamente eseguita in regime ambulatoriale in anestesia locale. I medici cercano di ridurre al minimo il gonfiore e i lividi. Pertanto, raccomandano di interrompere l’uso dei preparati di Primaspan e del coenzima Q-10 due settimane prima dell’intervento. Per prevenire il gonfiore dopo l’intervento chirurgico, vengono utilizzati impacchi freddi. Si dovrebbe evitare il piegarsi e ogni altro sforzo per almeno tre giorni. Sono necessarie due settimane per il recupero.

Se necessario, è possibile eseguire contemporaneamente un intervento chirurgico sulla palpebra superiore e inferiore; tuttavia, dal punto di vista del recupero del paziente, si raccomanda di gestire i due interventi separatamente.

Chirurgia della palpebra inferiore

Il rimodellamento della palpebra inferiore è un intervento tecnicamente complicato, e lividi e gonfiore a seguito dell´intervento di norma si verificano. La tecnica viene scelta individualmente per ciascun cliente, a seconda che si tratti di una distribuzione non uniforme dei tessuti adiposi e / o di una pelle in eccesso. A volte è più sensato riempire il solco sotto il limite inferiore della palpebra con un riempitivo grasso.

La chirurgia della palpebra inferiore viene eseguita in regime ambulatoriale in anestesia locale. All’inizio, si avverte una certa tensione sul margine esterno della palpebra inferiore; tuttavia il dolore di solito scompare da sé. Il recupero dura circa tre settimane. Il risultato finale non può essere visto se non oltre i tre mesi a seguito dell’intervento.

Rimodellamento dell’orecchio

Le orecchie sporgenti sono un difetto congenito dei lobi delle orecchie. A volte il concha (la ciotola dell’orecchio) può essere troppo grande.

L’intervento è progettato per eliminare il difetto esistente. Può essere eseguito in anestesia locale o in anestesia generale se richiesto dal cliente. I bambini piccoli vengono sempre operati in anestesia generale. Le cicatrici chirurgiche sono dietro le orecchie e non sono visibili.

Si consiglia di indossare una fascia elastica per due settimane dopo l’intervento chirurgico all’orecchio sporgente. I punti vengono rimossi otto giorni dopo l’intervento. Il paziente può fare una doccia e muoversi senza restrizioni.

Rimodellamento del naso, rinoplastica estetica

Il rimodellamento del naso è sempre personalizzato per ogni individuo e dipende dalle esigenze del cliente. Il possibile risultato è determinato dalla struttura del naso e dallo spessore della pelle. Pertanto, discutere le possibilità di rimodellare e pianificare l’intervento chirurgico con il chirurgo plastico chirurgico è di primaria importanza.

La chirurgia di rimodellamento del naso viene eseguita in anestesia generale. Le cicatrici postoperatorie saranno invisibili. Di norma, viene posizionata una stecca sul naso come sostegno iniziale. Di solito questo sostegno viene indossato per una settimana.

La paziente rimane la notte nel reparto postoperatorio. I punti e la stecca vengono rimossi durante la visita dal medico una settimana dopo l’intervento. Il paziente dovrebbe riservare tre settimane per il recupero.

Siamo qui per te.

Prenota il tuo appuntamento.

+358 44 2378021

Torna su