Cura oncologica - Clinica Helena Savonlinna Finlandia
Pagina principale > Cura oncologica

Cura oncologica del cancro al seno

Dopo le cure chirurgiche viene eseguita un’analisi patologica di tutte le sezioni di tessuto e viene data la valutazione finale dello stato della malattia.

Il tipo e le dimensioni del tumore; l’aggressività (gradus); invasione cellulare nei tessuti vicini come piccoli vasi sanguini, dotti linfatici o nervi; lo stato del recettore immuno-istologico (estrogeno-, progesterone-, herseptina) e l’attività di proliferazione cellulare (Ki67) definiscono le cure oncologiche post-operatorie.

Successivamente, un oncologo pianifica le cosiddette cure adiuvanti: possibile terapia citostatica, terapia anti-estrogenica e radioterapia del seno a seconda dello stadio della malattia. Tutte le pazienti sottoposti ad un intervento chirurgico di conservazione del seno a Savonlinna ricevono la radioterapia.

Le pazienti provenienti dall’estero possono o essere curati a Savonlinna o tornare a casa per il dopo cura.

Chemioterapia
Helena con la paziente
Chemioterapia

Chemioterapia postoperatoria per carcinoma mammario (terapia adiuvante)

Il nostro oncologo Esa Männistö pianifica la chemioterapia postoperatoria che le pazienti ricevono presso la clinica.

Lo scopo della chemioterapia postoperatoria è quello di distruggere le cellule tumorali o almeno di interromperne la crescita.

I farmaci chemioterapici postoperatori sono di solito somministrati per via endovenosa come iniezioni in vena o come flebo (infusione) presso la clinica ambulatoriale della chemioterapia dell’ospedale. Alcuni farmaci chemioterapici vengono somministrati in compresse o capsule che possono essere assunti a casa.

Cura oncologica  - Esa Männistö
Il nostro oncologo, Esa Männistö

Un trattamento di chemioterapia consiste in una combinazione di vari farmaci. Il trattamento viene somministrato in diversi cicli perché non tutte le cellule tumorali vengono distrutte contemporaneamente; ogni ciclo distrugge solo una parte delle cellule tumorali. Tra un ciclo e l’altro, le cellule normali e sane si rigenerano più velocemente delle restanti cellule tumorali.

L’oncologo pianifica la chemioterapia postoperatoria individualmente per ciascuna paziente, a seconda del tipo, delle dimensioni, dello stadio e del grado di carcinoma mammario al momento della diagnosi.

La forma più comune di carcinoma mammario è trattata con la combinazione CEF (C = ciclofosfamide, E = epirubicina, F = fluorouracile). Viene somministrato per via endovenosa. Il trattamento è iniziato un mese dopo l’intervento. Il dosaggio viene calcolato in base all’area della pelle della paziente. Il trattamento viene ripetuto a intervalli di tre settimane, a condizione che le normali cellule del sangue si rigenerino abbastanza in mezzo. Di solito il trattamento viene ripetuto in totale sei volte.

Se il tumore al seno è di dimensioni relativamente estese e la morfologia cellulare indica che è di tipo aggressivo, viene utilizzato un farmaco chemioterapico chiamato Taxotere. Viene somministrato per via endovenosa. Il trattamento inizia un mese dopo l’intervento e viene ripetuto tre volte a intervalli di tre settimane. Dopo tre cicli, il trattamento continua con la combinazione CEF somministrata tre volte a intervalli di tre settimane.

Cura oncologica - Helena Puonti controlla la paziente

Il trattamento con Taxotere è combinato con il trattamento con Herceptin se ci sono recettori HER2 nelle cellule del carcinoma mammario. Herceptin viene somministrato insieme a Taxotere nove volte a intervalli di una settimana. Herceptin non è un farmaco citostatico ma un farmaco mirato che blocca i recettori.

Durante il trattamento del carcinoma mammario infiammatorio (il seno è rosso e gonfio), tre cicli di chemioterapia a intervalli di tre settimane vengono effettuati già prima dell’intervento chirurgico. L’intervento viene eseguito tra i cicli e altri 3-6 cicli di chemioterapia vengono somministrati dopo l’intervento chirurgico secondo le istruzioni dell’oncologo.

Verrà somministrata la terapia neo-adiuvante anche nel cosiddetto tipo “triplo negativo” di carcinoma mammario e in casi di tumore diffuso. Esistono studi interessanti che sviluppano trattamenti individuali e mirati per le diverse fasi della malattia.

Se la conta dei globuli bianchi è troppo bassa dopo la chemioterapia, la crescita dei globuli bianchi è stimolata dal trattamento con G-CSF (ad esempio un farmaco chiamato Neupogen). Questo farmaco viene generalmente somministrato per via orale in compresse.

Effetti collaterali della chemioterapia

La maggior parte dei sintomi correlati agli effetti collaterali della chemioterapia può essere prevenuta o alleviata.

Molte cellule sane normali e a rigenerazione rapida sono sensibili ai farmaci chemioterapici. Milioni di nuove cellule vengono prodotte ogni giorno, ad esempio nel midollo osseo, nonché nel cuoio capelluto e nelle mucose della bocca e dell’intestino.

Cura oncologica - Infermiera con la paziente

La chemioterapia distrugge anche alcune delle cellule sane del midollo osseo, del cuoio capelluto e delle mucose. Gli effetti collaterali associati a questo includono il basso numero di cellule del sangue, perdita di capelli e problemi digestivi e intestinali.

Capelli e chemioterapia

La rigenerazione delle cellule del cuoio capelluto può essere interrotta dalla chemioterapia, causando la caduta dei capelli in alcune pazienti. A volte i capelli si staccano in grossi ciuffi. La perdita dei capelli può verificarsi anche in altre parti del corpo, tra cui sopracciglia, barba e peli pubici.

Le unghie fanno parte della pelle e anche esse possono cadere. Tutte le pazienti sottoposti a chemioterapia possono ricevere una parrucca. Al termine della chemioterapia, i capelli e i peli ricrescono.

Nausea causata dalla chemioterapia

I farmaci anti-nausea vengono somministrati molto prima dell’inizio della chemioterapia fino alla scomparsa dei sintomi.

Appetito durante i trattamenti

Oltre alla chemioterapia, il cancro stesso può causare perdita di appetito e di peso.

Si consiglia di mangiare piccole porzioni a intervalli frequenti.

I cibi freddi causano meno nausea rispetto ai cibi caldi e potrebbero essere più facili da mangiare se le mucose della bocca sono state danneggiate.

Le bevande nutrizionali sono raccomandate nel caso è difficile mangiare.

Membrane mucose

Le mucose del corpo non sono sempre rigenerate abbastanza velocemente durante il trattamento del cancro.

Ciò può causare ulcere alla bocca, secchezza delle fauci, nausea, diarrea e problemi intestinali.

I sintomi scompaiono dopo un pò al termine della chemioterapia.

Sangue

I globuli rossi trasportano ossigeno a tutti gli organi e tessuti del corpo. La chemioterapia riduce il numero di globuli rossi nel corpo. Ciò può comportare un livello inferiore di emoglobina, che può causare stanchezza e pallore.

I globuli bianchi proteggono il corpo da batteri e virus. Quando il conteggio dei globuli bianchi del corpo diminuisce, aumenta la suscettibilità alle infezioni. Il rischio di infezione è solitamente al massimo 7-14 giorni dopo la chemioterapia. Si consiglia di evitare il contatto con le persone affette da influenza e raffreddore durante quel periodo. In caso di febbre la paziente deve contattare la clinica.

Le piastrine del sangue (trombociti) aiutano il sangue a coagulare e le ferite a guarire.

Di solito il midollo osseo riesce a rigenerarsi e gli emocromi tornano alla normalità tra i cicli di chemioterapia. Questo sarà monitorato da esami del sangue.

La chemioterapia può essere seguita dalla terapia ormonale, vale a dire la terapia anti-estrogeni, al fine di ridurre il livello di estrogeni il più possibile. Questa terapia viene utilizzata se nel tumore si trovano recettori per estrogeni e progesterone.

Radiazione del seno dopo intervento chirurgico

Tecnologia avanzata

Tutti i seni operati con metodi di conservazione del seno saranno irradiati dopo l’intervento. Nella maggior parte dei casi anche l’area dell’ascella e talvolta anche l’area sopraclaveare sarà inclusa nell’area di radiazione.

In caso di mastectomia, con tumori di grandi dimensioni e crescita del tumore nei linfonodi sotto l’ascella, verrà eseguita la radioterapia.

L’oncologo della Clinica Helena dà la raccomandazione per le radiazioni. La radiazione di base richiede tre settimane. Per le pazienti giovani con tumori estesi può essere raccomandata una quarta settimana aggiuntiva di radioterapia.

È importante prendersi cura della pelle del seno durante le radiazioni (crema quotidiana). Le radiazioni possono causare colore rossastro, prurito e ustioni superficiali al seno, ma essi guariranno entro poche settimane.

Torna su