Ingrandimento del seno - Clinica Helena Savonlinna Finlandia
Pagina principale > Ingrandimento del seno

Ingrandimento del seno

Ingrandimento del seno mediante un impianto

Le donne che presentano poco tessuto adiposo generalmente hanno troppo poco tessuto per il trapianto.

Il miglior metodo di correzione del seno in questi casi è una protesi o un impianto in silicone. Esistono numerosi tipi di impianti. Prediligiamo modelli morbidi e strutturati che non perdono.

L’impianto viene selezionato in base alle dimensioni del seno e del torace della paziente, nonché in base ai suoi desideri.

In Clinica Helena usiamo la tecnica endoscopica!

Gli impianti vengono inseriti attraverso incisioni sotto le ascelle usando una tecnica endoscopica, senza lasciare cicatrici visibili sul seno. L’impianto sagomato viene inserito sotto il seno della paziente. Se la pelle e lo strato adiposo nell’area del seno sono troppo sottili, l’impianto viene posizionato sotto il muscolo pettorale.

Ingrandimento del seno attraverso l'ascella
Ingrandimento del seno attraverso l'ascella, durante operazione

Foto: Ingrandimento del seno attraverso l’ascella

Il muscolo pettorale della paziente non sarà sufficiente a coprire la parte inferiore dell’impianto. Pertanto, sono stati sviluppati metodi speciali per supportare la parte inferiore del seno; un esempio di questi è la matrice del tessuto acellulare. Senza un supporto sufficiente, la protesi mammaria può cedere con il passare del tempo e causare una doppia piega nella parte inferiore del seno. Questo avviene raramente quando si utilizza un’incisione sotto l’ascella.

Chirurgia estetica - Mastoplastica additiva con impianto tramite ascella, prima dell'intervento
Chirurgia estetica - Mastoplastica additiva con impianto tramite ascella, dopo l'intervento

Foto: Ingrandimento del seno attraverso l’ascella prima e dopo

Chirurgia estetica - Aumento del seno mediante incisione di mammella

Foto: Ingrandimento del seno tramite incisione di mammella: seno sinistro prima e seno destro dopo l’aumento

La chirurgia di aumento del seno viene eseguita in anestesia generale e dura 2-3 ore. Dopo l’intervento la paziente trascorre la notte in clinica e viene dimessa la mattina seguente.

Durante l’intervento, il chirurgo posiziona i drenaggi (cateteri) sotto il seno e l’eventuale fluido tissutale prodotto sotto la ferita viene scaricato attraverso di essi. I drenaggi rimangono in posizione fintanto che c’è scarico (1–7 giorni).

Consigliamo l’uso continuo di antidolorifici subito dopo l’operazione perché il seno all’inizio sarà dolorante. Usiamo una fascia per il seno nella parte superiore del seno per due settimane. Essa impedisce all’impianto di spostarsi verso l’alto finché non si è fissato alla sua posizione corretta. L’esercizio fisico normale aiuta sia la circolazione sanguigna generale e che la guarigione.

Possibli problemi

Una protesi mammaria non impedisce l’allattamento. Il silicone è una sostanza ben tollerata e ampiamente utilizzata in applicazioni mediche come cateteri, ecc. Il fatto che il silicone non sia un tessuto biologicamente vivente potrebbe causare problemi. Non vi è circolazione del sangue ad esso, e talvolta il corpo inizia a rifiutare tale tessuto. Il corpo può formare un guscio protettivo o una capsula attorno all’impianto e questa capsula può diventare così spessa che inizia a spremere l’impianto. Ciò causerà dolore al seno e comporterà un cambiamento della sua forma.

Attualmente è comune ritenere che l’incapsulamento della protesi mammaria possa essere causato dalla colonizzazione batterica. Le colonie batteriche possono far crescere un biofilm resistente agli antibiotici intorno all’impianto. Nella nostra tecnica chirurgica, prestiamo particolare attenzione alla prevenzione della formazione di biofilm: durante l’intervento chirurgico l’impianto viene lavato e immerso in una soluzione antibiotica.

Secondo i sondaggi, l’incapsulamento si verifica in ca. 20% dei casi di impianto. Alcuni di questi causano dolore e cambiamenti nella forma del seno e l’impianto deve essere rimosso. Anche il materiale non biologico dell’impianto può essere contaminato e causare un’infezione batterica. Per trattare l’infezione, di solito è necessario rimuovere l’impianto. Fortunatamente tali infiammazioni batteriche sono molto rare.

Più recentemente, è stato anche scoperto che un numero maggiore di impianti testurizzati rispetto agli impianti lisci è stato associato a casi di ALCL (linfoma aggressivo a grandi cellule), sebbene anche gli impianti lisci comportino un rischio di ALCL. È molto raro. Produce liquido o fa crescere un tumore intorno alla capsula, che è facile da trovare in esame ecografico. Se abbiamo riscontrato il problema in una fase precoce, la capsulectomia e la rimozione dell’impianto sono sufficienti per curare la paziente.

È importante che il seno con protesi venga controllato ogni anno o due. Come misura di sicurezza, sarà sufficiente un esame ecografico del seno. Se c’è un accumulo di liquidi o un ispessimento della capsula intorno alla protesi, deve essere eseguita una biopsia. In questo caso, sarà necessaria anche una risonanza magnetica al seno. Se non si osservano sintomi o anomalie, la paziente può continuare a vivere con gli impianti e godersi la trasformazione fisica che hanno fornito.

Trapianto di tessuto adiposo

L’ultima tecnica di ingrandimento del seno prevede il trapianto di tessuto adiposo (tessuto adiposo) da altre parti del corpo.

Questa tecnica è ancora in fase di sviluppo e non è ancora noto, ad esempio, quale percentuale delle cellule adipose trasferite sopravviva, se il fluido (sieroma, cisti oleosa) si accumula nell’area trattata e se ci sono altri effetti avversi. La nuova tecnica di liposuzione mediante la quale le cellule di grasso vengono rilasciate mediante un getto d’acqua sembra essere un metodo più delicato ed efficace per il trapianto di tessuto adiposo.

La zona addominale è il lato donatore più conveniente per il lipotrapianto. Le cellule adipose trasferite devono creare la circolazione sanguigna per sopravvivere. A seconda dei casi individuali sono necessari 3-4 trasferimenti di grasso per un buon risultato. Inoltre, nel seno dovrebbe esserci abbastanza pelle “svuotata” o dovrebbe essere espansa.

Lipotrapianto - Lipofilling
Lipotrapianto - Lipofilling

Foto dalla sala operatoria

Trapianto di altri tessuti del corpo

Un seno può anche essere ingrandito con tessuti ottenuti da schiena, pieghe addominali, fianchi o glutei.

Tuttavia, poiché questa tecnica comporta un intervento chirurgico importante e comporta molte cicatrici, la si consiglia solo alle pazienti alle quali il seno viene ricostruito dopo l’intervento chirurgico come trattamento oncologico.

Metodo Brava

Negli Stati Uniti è stato sviluppato un metodo di ingrandimento del seno che utilizza le pompe di aspirazione e questo metodo ha guadagnato popolarità.

Le pompe di aspirazione sono posizionate nelle coppe del reggiseno e rimangono lì giorno e notte per diversi mesi. Con questo metodo il seno può essere leggermente ingrandito.

Il metodo Brava è spesso integrato dal trapianto di tessuto adiposo per ottenere il risultato più duraturo possibile.

Dopo cura

Dopo l’intervento chirurgico si dovrebbe evitare lo sforzo fisico fino alla rimozione dei punti (8 giorni).

Durante l’intervento chirurgico, gli scarichi (cateteri) vengono posizionati sotto il seno attraverso il quale viene drenato l’eventuale fluido tissutale prodotto sotto la ferita. Gli scarichi rimangono in posizione fintanto che c’è drenaggio (1–7 giorni).

È consentito l’uso della doccia il giorno dopo l’intervento chirurgico.

Per sostenere gli impianti è necessario indossare una cintura protesica per due settimane.

Si può tornare a condurre una vita normale una settimana dopo l’intervento.

Possibli problemi

Nei primi giorni dopo l’intervento chirurgico il seno può essere doloroso. Pertanto, si dovrebbe evitare di guidare l’auto per i giorni immediatamente dopo l’intervento.

Complicazioni postoperatorie comuni, come sanguinamento o infezione della ferita, possono verificarsi anche in combinazione con un intervento chirurgico di ingrandimento del seno. Tuttavia, sono rari. Il trattamento di queste complicanze è incluso nel prezzo dell’intervento.

Il costo del trattamento della possibile contrattura cicatriziale intorno all’impianto non è incluso nel prezzo.

Siamo qui per te.

Prenota il tuo appuntamento.

+358 44 237 8021

Torna su